MERCATO DELLE LEGGI–CORONA POLITICO

GIANNELLI vignetta

Giannelli con la sua vignetta (Corriere della sera) prende in pieno un problema grave del rapporto che c’è in Italia tra politici ed elettori. Durante le campagne elettorali si crea il mercato della legge acchiappa voti, certo è normale che il politico sia a caccia di voti ma come si fa a proporre riforme quando il programma di governo è solo una formalità. I programmi non sono attendibili perchè frutto di compromessi tra mille partiti diversi fra loro in modo cronico. E allora ecco le proposte irrealizzabili, irrealizzabili perchè se la riforma non è strutturale non serve a niente cambiare il particolare, dibattersi sul particolare è solo il teatrino della politica. La gente deve capire che si deve cambiare la struttura della macchina pubblica e per quanto possa essere simbolico la riduzione dei parlamentari, non serve a niente, c’è ben altro da cambiare.

ABBASSARE LE TASSE: non si possono abbassare le tasse così, per magia. Si deve cambiare l’intera macchina pubblica, "la mangia soldi italiana". Un’operazione che richiederebbe almeno una decina di anni, quindi penso sia proprio difficile cambiare il paese, forse anche perché manca la voglia. A chi mi dice i politici sono dei bastardi, io rispondo che la classe dirigente di un popolo democratico è lo specchio del popolo stesso. Certo quando c’è una casta non è proprio cosi.

 Ecco il politico di domani. 

Mi chiedo un parassita come Corona cosa farebbe in politica. In effetti dobbiamo ammettere che non sarebbe l’unico politico che non si guadagna il nome che porta.

Un pensiero su “MERCATO DELLE LEGGI–CORONA POLITICO”

  1. Che strani sti forzisti….

    Prima tutti a dire che il loro baronetto (…o cavaliere???…non ricordo….) avrebbe abbassato le tasse, e ora viene fuori che le tasse non si possono abbassare da un momento all’altro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *