LE MIE CONCLUSIONI DEL DISSENSO ALLA MAGLIETTA

Ariano Folk FestivalVoglio tirare le somme della mia movimentata iniziativa. Gli obbiettivi che mi ero prefissato sono stati sostanzialmente raggiunti: manifestare il dissenso alla maglietta, chiedere delucidazioni al comune con il sostegno delle firme e accendere una discussione costruttiva sull’AFF.

IL DISSENSO : posso dire di aver raggiunto il mio obbiettivo di manifestare il disaccordo alla maglietta obbligatoria visto che la popolazione arianese ne è a conoscenza e per la maggior parte mi ha appoggiato. La Red Sox e il comune hanno dovuto prenderne atto della mia iniziativa. Infatti la Red Sox ha spiegato le sue ragioni attraverso il suo portavoce venerdì al microfono di Enrico Riccio giornalista di canale58.

CHIDERE DELUCIDAZIONI : sabato mattina ho presentato un documento agli uffici comunali in cui chiedevo al comune , l’unico a cui potevo formalmente rivolgermi, spiegazioni sulle magliette dell’AFF , motivando la mia richiesta sul fatto che la manifestazione è già patrocinata da diversi enti pubblici quindi da questo punto di vista il contributo chiesto con la maglietta si somma a quello pubblico. Sperò il comune mi risponda attraverso un comunicato ufficiale.

DISCUSSIONE : ho acceso una discussione fra gli arianesi e anche se non ci speravo la mia iniziativa è stata un po’ sulla bocca di tutti fin a d arrivare a suscitare l’interesse dell’emittente locale. La discussione in alcuni tratti è stata un rissa forse perché molti non avevano capito che io non attaccavo l’AFF bensì un solo particolare. Per la maggior parte è stata una discussione costruttiva e non sono mancate le proposte e i confronti.

L’ultimo atto della mia iniziativa è stato inviare un comunicato a canale 58 in cui spiego la mia posizione per rispondere alla Red Sox che è intervenuta venerdì. Sicuramente verrà citato domani nel telegiornale.

VI RIPORTO  IL COMUNICATO :

ALL’ATTENZIONE DI

ENRICO RICCIO

 COMUNICATO STAMPA – DISSENSO MAGLIETTA FOLK FESTIVAL

Mi sono fatto promotore attraverso il mio blog(www.robertopierro.splinder.com) di una iniziativa di dissenso per la maglietta obbligatoria del 21 sera all’Ariano Folk Festival . Ho concluso la mia iniziativa con una raccolta di adesioni che ho portato in comune indirizzandola a tutte le figure istituzionali di Ariano Irpino. La mia iniziativa ha tre scopi: uno è mostrare il dissenso alla maglietta visto che l’Aff ha già ottenuto giustamente i patrocini di Comune di Ariano Irpino, Provincia di Avellino, Regione Campania e Comunità Montana dell’Ufita quindi in quest’ottica il contributo chiesto attraverso la maglietta risulta accavallarsi ha quello dato dalle istituzioni. Il secondo è chiedere al comune , ai nostri rappresentanti, spiegazione su questa situazione. Lo si chiede al comune e non alla Red Sox perché quest’ultima è un associazione privata quindi libera di fare quello che ritiene più opportuno. La terza è creare una discussione costruttiva su una delle feste più importanti di Ariano. Quindi questa iniziativa non è contro nessuno , ne contro le istituzioni che giustamente finanziano l’importante festa ne contro gli instancabili organizzatori dell’AFF che dal nulla hanno creato un tale evento a cui per questo motivo va la mia stima e quella dell’intera popolazione arianese.

 Il mio comunicato nasce dalla volontà di chiarire la mia posizione sulla vicenda. Certo di essere ascoltato vi porgo distinti saluti e un augurio di buon lavoro.

ROBERTO PIERRO

 Non mi resta che augurare buon fine Ariano Folk Festival a tutti, indossatori di maglietta e non.

 

12 pensieri su “LE MIE CONCLUSIONI DEL DISSENSO ALLA MAGLIETTA”

  1. Roberto, questa sera ti voglio al folkfestival.

    Molti non condividono la maglietta, ma questo non deve costringerti a non assistere al concerto di questa sera. Hai manifestato pubblicamente la tua contrarietà ad uno solo aspetto e non al festival in generale. La tua presenza non fa venir meno la tua protesta, anzi, dimostra il tuo legame ad un qualcosa che tutti noi vogliamo veder crescere e migliorare. Anche nell’aspetto che tu denunci.

    A stasera allora.

  2. Sante parole caro amico, ma preferisco venire allo scadere del vincolo maglietta. Comunque vedrai un mio delegato che invio prprio per dimostrare il mio legame alla festa e il mio intento costruttivo nella critica

  3. Dopo tutta questa discussione, dopo le firme, i commenti, i favori e le “condoglianze”, alla fine Roberto la maglietta dell’AFF l’hai indossata “con le preghiere” di due amici. Dal punto di vista personale mi ritengo pienamente soddisfatto del lavoro e della costanza che hai saputo sfoderare in tutti questi giorni. Tua è stata l’idea, tua l’ irremovibilità nella polemica, tua la perseveranza nella sua opera dalla prima firma iscritta all’ultima ora dell’AFF. Sei stato accusato e disapprovato. Sei stato plaudito per esserti fatto portavoce di un dissenso. Potevi desistere dopo il primo giorno e sei arrivato alla fine convinto di quello che saputo smuovere e di come l’ha fatto. Ho potuto assistere alla tua azione giorno dopo giorno e ora che siamo davvero alla fine, permettimi la tua pagella:

    Voto 10 all’iniziativa e al coraggio di un 24enne.

    Voto 1 alla sua censura dei commenti contrari.

    Voto 10 con lode per come ha saputo mediatizzare la tua trovata. Voto 6 rosso alle camice sfoggiate in quest’ultimo periodo.

    Voto 100 alla pazienza degli amici e di chi ti è stato ad ascoltare.

    Voto 0 alle voci sul tuo imminente castigo, crocefisso sul palco e deriso dal lancio di bicchieri vuoti.

    Voto non pervenuto alla sintassi grammaticale proposta nei tuoi vari interventi.

    In fondo Robbè mi sì piaciuto! Bravo! Mi sento orgoglioso di te…ma mò non montarti la capo!

  4. LA MAGLIETTA CI TENGO A SPECIFICARE NON L’HO COMPRATA E NON SONO ANDATO AL CONCERTO, ALLA FESTA CI SONO ANDATO ALLA 2:30 QUANDO IL L’OBBLIGO MAGLIETTA E’ DECADUTO

  5. Hai ragione per alcuni versi, per questo mi sono autocensurato. Però vedi sei passato alla offesa, io invece non ti ho offeso. Assolutamente non sono un eroe, ho chiesto dei chiarimenti in modo democratico, per questo ricevo ancora complimenti e rispetto per la mia iniziativa. Le critiche le accetto e spesso miglioro grazie a loro. Sperò parleremo di persona per rederti conto che non sono presuntuoso e tantomeno maleducato, mi arrabbio quando vengo giudicato sommariamente senza un’attenta analisi di quello che faccio. Si vede che sei una persona che come me si interessa ad Ariano e ti chiedo cosa pensi dei Tranesi ??

  6. Ora meriti un applauso, e a questo punto ti chiedo scusa se ti ho offeso, ma tu non avevi risposto in maniera proprio cortese.

    La discussione sulla maglietta può finire qui, ognuno la pensa come vuole, l’ importante è il rispetto reciproco.

    Per quanto riguarda i Tranesi, ma è vero che devono cominciare i lavori per riaprire le “ruagnare”?

  7. La discussione sulla maglietta finisce qui anche se continuano ad esserci delle polemiche, certo la discussione vera e propria è finita. Il bello è rispettarsi e confrontarsi anche con posizioni diverse. Scusa forse lo devo chidere io per non aver capito che volevi confrontarti. Sull AFF in particolare è importante parlare perché lo scopo di tutti è vederlo crescere, ognuno di noi ha i suoi metodi.

    Per i Tranesi ti rispondo sul post

    dedicato

  8. PER “mmm”

    MI FAREBBE PIACERE CONFRONTARCI IN MODO CIVILE, PER QUESTO TI INVITO A SCRIVERE SUL MIO BLOG IN MODO CIVILE E NON OFFENSIVO. COME PUOI BEN VEDERE LE CRITICHE SUL MIO BLOG CI SONO, E’ GIUSTO ESSERE CRITICATO MA L’OFFESA E’ UN ALTRA COSA.

    DICI CHE LA MIA INIZIATIVA NON E’ STATA CONDIVISA DAGLI ARIANESI, TU PARTI CON UNA TUA IDEA IO PARTO CON 60 FIRME. MA AL DI FUORI DEL WEB BASTA CHIACCHIERARE IN GIRO E SI CAPISCE CHE AGLI ARIANESI FA PIACERE UNA SPIEGAZIONE DELLA MAGLIETTA, CHE LA RED SOX DA PARTE SUA A FATTO SOLLECITATA DALLA MIA INIZIATIVA.

    ALLUDI A UN MANOVRA DALL’ALTO, A PARTE CHE E’ UN OFFESA ASSURDA PER ME, HO PROVATO A PENSARE DAL TUO PUNTO DI VISTA MA CHI POTREBBE AVERE QUESTO INTERESSE, FORSE HAI AVUTO UN ATTACCO IRREFRENABILE DI FANTASIA.

    SICERAMENTE NON PENSO DI ESSERE IGNORANTE, NON SAREI STATO IN GRADO DI FARE TUTTO CIÒ, NON PENSO DI ESSERE PRESUNTUOSO, SE LE FOSSI NON PARLEREI CON TE, NON PENSO DI ESSERE SUPERFICIALE , PERCHE’ SE LO ERO LA MIA PROTESTA SAREBBE RIMASTA NEL VUOTO.

  9. mmm

    Caro ti devo ripetere che sul mio blog non si offende ma si parla con tranquillità.

    Continui a offendermi ma se non esageri ti faccio fare, anche perché adesso ho capito da dove viene la tua ostilità, le mie idee politiche. Sai benissimo che un apostrofo mancante non fa dipendere se un testo è decente o no. Vuoi mettere in discussione la riuscita della mia iniziativa, ma i fatti sono dalla mia, la Red Sox ha ritenuto opportuno rispondermi ,quindi ha ritenuto importante la mia iniziativa, e lo ha fatto venerdì e martedì in tv e lunedì sera con il presidente che mi ha cercato per una discussione.

    VISTO CHE TI PIACE ATTACCARE, MOSTRACI TUA LA VOGLIA DI METTIRTI IN DISCUSSIONE, METTI ANCHE TU NOME E COGNOME FACCI CAPIRE COSA POSSIAMO FARE , ILLUMINACI CON LA TUA ESPERIENZA DI ATTIVISTA.

    Ps PER FAVORE NON USCIRTENE CON L’ITALIANO PERCHÉ È EVIDENTE CHE È UNA MANCANZA DI ARGOMENTI E NEMMENO CON I LUOGHI COMUNI, SE VUOI DISCUTERE FALLO SENZA OFFENDERE CHI LA PENSA DIVERSAMENTE DA TE

  10. All’ attivismo, io preferisco l’ otium letterario…. Che ci posso fare…

    E, inoltre, credo che su internet si goda di libertà inimmaginabili altrove proprio grazie all’ anonimato, quindi non sarà per una tua richiesta senza senso che svelerò la mia identità.

    mmm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *