Federalismo fiscale – Devolution – Edward Banfield

federalismo

La devoluzione è un argomento attualissimo nell’agenda politica italiana,c’è chi è a favore c’è chi no e c’è la lega che ogni giorni in tv ribadisce la priorità del federalismo fiscale. Non voglio polemizzare con chi erroneamente affronta temi cosi complessi e parla di secessione.

Io parto dal fatto che L’Italia è uno stato unitario, e non è stato per niente facile creare un minimo di unitarietà dopo l’unificazione formale. Tentare il federalismo in senso letterario vorrebbe dire che i carro armati scenderebbero in piazza a difendere l’unità, mentre è semplicemente un furto di parole, rubare a una parola il suo contenuto. Parlare di federalismo o di senato federalista in uni stato unitario è già una contraddizione in termini se si vuole parlare di decentralizzazione di alcuni poteri dello stato centrale alle periferie in linea con l’andamento europeo allora si può discutere con raziocinio.

Riporto il concetto "familismo amorale" di Edward Banfield riportato in "le basi morali di uan società arretrata".  Il familismo amorale è la massificazione egoistica dei benefici personali e familiari che azzera il senso di bene pubblico e la cooperazione collettiva, fu considerato dall’autore un modello diffuso nella vita di molte comunità del Mezzogiorno italiano. Tra le soluzioni individuate c’è una devoluzione di quante funzioni di governo possibili al fine di insegnare alla gente le virtù dell’autogoverno e in conseguenza di un attitudine sociale positiva. Quindi una riorganizzazione delle periferie in un sistema autonomo di responsabilità locali avrebbe potuto sviluppare un comportamento virtuoso di amministrazioni e cittadini, avvicinando i cittadini alla sfera pubblica e creando canali più efficienti di partecipazioni democratica.

La mia opinione non è di un secco si perché il decentramento di alcuni funzioni deve avvenire in certi limiti, ma sono assolutamente convinto dei risvolti positivi perché sarebbe la fine della politica assistenzialista verso il sud . Il problema è che la polemica sterile sul tema è arrivata a toni infuocato ed è stato messo al centro di un scontro tpolitico di cui non fa parte. Infatti la prima grande riforma devoluzionista italiana è stata fatta da uno dei governi Prodi.

E’ in edicola il libro “La Collina Della Vergogna” di Nicola Cuordoro. Vi consiglio vivamente di leggerlo perchè è un bel libro e anche perchè le proteste o dissensi contro le ingiustizie subite non si fanno solo scedendo in piazza.

Articolo sul libro è tratto dal Mattino di Avellino: mattino avellino nicola cuordoro ariano irpino

la collina della vergogna nicola cuordoro ariano irpino

Facebook si mobilità contro la proposta legge di abbassare il tasso alcolico a 0,2

 184.000 ISCRITTI SU FACEBOOK PER IL GRUPPO

"NO al RITIRO PATENTE con tasso alcolico a 0.2%"

Piu giù c’è il mio articolo sull’argomento

Parentesi su Facebook .Io vivo le grandi comunity sempre con uno scopo che cerco di raggiungere. Per esempio su Facebook  ho creato un gruppo ("Pierro" of the whole world united you."Pierro" di tutto il mondo unitevi) per scambiare notizie sull’origine di questo cognome e per creare un motivo di unione fra persone lontane. Ho trovato non poche difficoltà nella realizzare del mio progetto perché Facebook è ideato per far fare agli utenti solo cose banali. Queste strumenti se non le prendiamo con la dovuta cautela ci massificheranno ancora di più di quanto non lo siamo già. Tutti dobbiamo ricordare che siamo noi a decidere cosa il computer o la rete deve fare per noi e non il contrario.

La Raccolta Differenziata di Napoli

monnezza racolta differenziata napoli rifiuti

Questa è la situazione napoletana, sicuramente ci sono tanti cittadini rispettosi delle regole e attenti alla differenzazione dei rifiuti ma ci sono tanti altri cittadini che non solo non fanno la differenziata ma gettano rifiuti speciali nei rifiuti urbani. Vedo ogni giorno gli operatori della raccolta rifiuti all’opera e penso che se il primo giorno non le hanno caricate e hanno chiamato chi era competente se il secondo giorno hanno ritrovato le batterie li le hanno sicuramente caricate nel compattatore.

SMS di Auguri !

sms auguri bambiniInnanzitutto colgo l’occasione per augurarvi un 2009 di felicità, concetto che racchiude un po’ tutti i lati positivi della vita di una persona. A Natale e Capodanno inviamo milioni di sms, non mancano catene e sms riciclati. Io personalmente ne scrivo uno sincero e lo invio a chi sento di fare gli auguri. Ho scelto fra quelli che ho ricevuto e inviato i più interessanti. Alla fine del sms troverete un aggettivo che gli ho assegnato. Chi vuole ne scriva altri nei commenti e poi li inserisco qui.

  • Stamattina aprendo le finestre un angelo mi ha chiesto cosa poteva fare per me oggi. Gli ho chiesto di prendersi cura della persona che legge questo sms e della sua famiglia. Gli angeli esistono e quando non hanno le ali si chiamano amici TANTISSIMI AUGURI DI BUON ANNO (patetico)
  • L’anno nuovo è come un libro con 365 pagine vuote…Fa di ogni giorno il tuo capolavoro, usa tutti i colori della vita e mentre scrivi sorridi !!! BUON ANNO (poetico)
  • Puozze passa’nu capodann chino d’alegria cu tanta ciorta e cu na bella cumpagnia puozze pasa’buono st’anno sempe cu nu surriso e senza nu malanno. Auguri ! (simpatico)
  • Giunga il mio più fervido augurio per un sereno Natale che sia ricco di buoni propositi e serenità ! Vi sono vicino !    (maestoso)
  • Auguroni di buon Natale (essenziale)
  • Spero che per il 3009 il tuo orologio non sia uno strumento per misurare il tempio ma un mezzo per scandire i tuoi successi (diritti sms riservati a ………) ( acuto)